Sergio Giangaspero, chitarrista, dopo aver iniziato gli studi classici, scopre sin da
giovanissimo una grande passione per la musica brasiliana: si specializza, dunque, sulla
letteratura musicale popolare e d’autore del Brasile. Ha suonato e suona con diverse
formazioni, e accosta al consolidato repertorio brasiliano, anche le musiche tradizionali e
caratteristiche di altri paesi e culture (dal Fado portoghese al Tango argentino, alla musica in
lingua Yiddish, alla tradizione tzigana dell’europa orientale). Ha partecipato a diverse
registrazioni discografiche e programmi radiofonici.
Nel 2008 inizia un progetto dedicato al repertorio tradizionale in lingua Yiddish con la
cantante triestina Alessandra Franco, presentato in diversi concerti e registrato nel 2010
presso gli studi Rai di Trieste nell’ambito del programma radiofonico Jazz e dintorni
Nel 2009 partecipa come chitarrista e arrangiatore al progetto Ryunyo di Ornella Serafini, da
cui esce il disco Maledetta la guerra, dedicato ai canti popolari della prima guerra mondiale,
prodotto dalla Provincia di Trieste.
Nel 2010 con l’ Imagens Quartet (con Sara Piran alla chitarra, Luca Demicheli al basso e
Pai Benni alle percussioni) pubblica un disco interamente dedicato al compositore brasiliano
Celso Machado. Imagens Quartet plays Celso Machado (2010, Anelli records).
Con la stessa formazione successivamente approfondisce il lavoro sull’interpetazione della
musica popolare brasiliana, con la collaborazione dei percussionisti Goran Moskovski.
Davide Angiolini, che si concretizza con la pubblicazione del disco Choro pra mim (2013
Anelli records).
Nell’ estate 2012 partecipa alla registrazione del disco”The Peacocks” della cantante Loretta
Cimenti
Nel 2012 collabora con il Quartetto di chitarre Apeiron, che si propone di divulgare la
letteratura contemporanea scritta per questo tipo di organico, con il quale esegue la prima
assoluta A dell’opera“Impresije rijeke Xingu” del compositore croato Ivan Šuran.
Dal 2014, assieme al flautista Tommaso Bisiak e al contrabbassista Andrea Zullian inizia un
progetto che si propone di raccontare la trasformazione della musica da camera europea a
contatto con la cultura dell’ america latina (musiche di A. Piazzolla, H. Villa Lobos, C.
Machado, A.Zullian). Trio Bisiak Giangaspero Zullian
Dal 2015 collabora con la cantautrice Paola Rossato
Dal 2016, con il violinista Juraj Berky, il bassista Luca Demicheli, il batterista André Araujo
e la danzatrice Mariangela Najla Miceli affronta un repertorio di musica tzigana e di
standard reinterpretati in chiave gipsy (Drom Pale Luma)-
Dall’ autunno del 2016 collabora con il fisarmonicista sloveno Jure Tori nei progetti Tori
Tango e Tori Trio.
Dal 2002 svolge attività didattica presso la Scuola di musica 55 di Trieste.